Sezione giurisdizionale Marche

(Archivio)

sentenza 28 agosto 2007, n. 389: condanna alcuni funzionari regionali e la società beneficiaria per l'indebita erogazione e percezione di contributi comunitari in agricoltura

sentenza 14 marzo 2007, n.151: Ente locale – applicazione della sanzione prevista dall'articolo 30, comma 15, della legge n. 289 del 2002 – debiti derivanti da esecuzione di giudicato - pagamento spese di parte corrente con somme per finanziare spese di investimento - enunciazione dei principi – individuazione nell’erario dello Stato quale beneficiario della sanzione e ammissibilità del giudizio introdotto dall’attore indicando l’ente locale beneficiario della sanzione – necessità dell’invito a dedurre per l’introduzione del giudizio – non applicabilità del giudizio ad istanza di parte di cui all’art. 58 del R.D. 13\8\1933 n. 1038 – illecito individuato nel pagamento di quota parte di interessi per ritardato pagamento conseguente a sentenza di condanna utilizzando residuo mutuo precedentemente contratto – parere favorevole di qualificati organi interni dell’Ente - sussistenza dell’errore scusabile

 Sent. n. 446 del 5 aprile 2004: un docente universitario che intrattiene rapporti sessuali con alcune studentesse nei locali dell’ateneo provoca un rilevante danno all’immagine dell’Università. L’ammontare del risarcimento di tale danno non può essere pari alle sole spese di ripristino dell’immagine dell’Ente attuato mediante una “campagna pubblicitaria”, posto che il “ripristino” non può che consistere nel sostanziale recupero dell’immagine stessa, o per meglio dire della propria credibilità, attraverso un programmatico, continuo e graduale miglioramento di standard d’azione e di trasparenza.

- Sentenza n. 343/04 del 5 marzo 2004: le domande di risarcimento del danno erariale derivante dallo svolgimento di un rapporto concessorio vanno rivolte nei confronti dell’Ente concessionario, allorquando la materiale realizzazione della lesione patrimoniale della P.A. sia discesa dall’attività di terzi che agivano in nome e per conto del concessionario. Il concessionario è tenuto a rispondere direttamente dell’illecito amministrativo-contabile del proprio preposto, alla stregua di quanto rinvenibile nell’ordinamento privatistico, allorché questo - pur non dipendente ovvero non amministratore del concessionario - ponga in essere fatti concludenti ingeneranti affidamento dell’imputabilità dei relativi comportamenti al concessionario medesimo.

sentenza n. 907\2002 dell'8 novembre 2002, che afferma la giurisdizione nei confronti di un edicolante, ritenuto agente contabile perché  impiegato nella vendita per conto del Comune di buoni mensa destinati  a scolari

-  Ordinanza n. 128/02 dep. il 21.10.2002 (in sede di reclamo avverso ordinanza di revoca di sequestro conservativo):  il periculum in mora deve intendersi non nel senso della mera possibilità che si verifichi la perdita o la sostanziale diminuzione delle garanzie patrimoniali del creditore, ma nella probabilità che tali eventi abbiano a manifestarsi, in concreto, in relazione a specifici criteri di effettività e di attualità. In particolare, la richiesta di sequestro di beni patrimoniali di un’azienda andrebbe più rigorosamente giustificata dimostrando o lo stato di precaria solvibilità o una sequela di risultati negativi di gestione ovvero ancora ulteriori elementi sintomatici in grado di far ritenere probabile il deterioramento delle condizioni di solvibilità dell’azienda nelle more del processo.

- Sentenza n. 104/02 del 18 gennaio 2002 (in particolare): Corte dei conti – Responsabilità amministrativa – Danno all’immagine della P.A. – Applicabilità art. 2059 c.c. – Esclusione – Autonomia dell’ordinamento contabile. Corte dei conti – Responsabilità amministrativa – Danno all’immagine della P.A. – Giurisdizione concorrente del Giudice ordinario – Esclusione – Giurisdizione esclusiva della Corte dei conti.   Corte dei conti – Responsabilità amministrativa – Danno all’immagine della P.A. – - Fonti normative - Ordinamento contabile ed art. 97 Cost. Corte dei conti – Responsabilità amministrativa – Danno all’immagine della P.A. – Onere della prova – Sussiste solo in ordine alla dimostrazione dell’evento dannoso

- ordinanza n.28\01 del  4\7\2001, emessa in sede di conferma di sequestro, nella quale sono affrontate due questioni di estremo interesse: 1)ammissibilità della pronuncia sulla giurisdizione in sede di giudizio cautelare; 2)giurisdizione della Corte dei conti in materia di s.p.a. a prevalente capitale pubblico in applicazione della legge n. 97\2001

- N. 2132 DEL 11 FEBBRAIO 1999: In costanza di prestazione di opera retribuita presso una p.a., l’indennità integrativa speciale e la tredicesima mensilità sulla pensione devono essere corrisposte in misura intera, con conseguente diritto del pensionato alla restituzione di quanto erroneamente trattenuto dall’amministrazione sulla pensione.