SEZIONE GIURISDIZIONALE LAZIO

 

 
  • sentenza n. 1598/2010 del 3 agosto 2010 - Sezione giurisdizionale per il Lazio
    in tema di responsabilità del Presidente dell’ANAS S.p.A. per danno erariale derivante da illecito conferimento di incarichi professionali
  • Sentenza n. 1596/2010 del 2 agosto 2010 - Sezione giurdisdizionale per il Lazio
    In tema di responsabilità di un dirigente INPDAP, responsabile dell'Ufficio Prestazioni creditizie, per danno erariale derivante dall’erogazione, in assenza dei requisiti di legge, di mutui agevolati, ipotecari ad edilizia cooperativa
  • Sentenza n. 1402/2010 del 1 luglio 2010 - Sezione giurisdizionale per il Lazio In tema di responsabilità di amministratori di società Srl per danno erariale del Ministero delle attività produttive (ora Ministero dello Sviluppo economico) per appropriazione indebita di finanziamenti non dovuti (Legge n. 488/1992)
  • Sent. 989/2010 del 4 maggio 2010: Afferma la sussistenza della giurisdizione su una società pubblica per azioni c.d. in house di un comune, dato che il modello organizzativo e gestionale esclude un rapporto di alterità tra il soggetto affidante (ente pubblico) e il soggetto affidatario (società), fondando così anche il rapporto di servizio tra gli amministratori e dipendenti della società e l'ente socio. Afferma la responsabilità dei convenuti per il mancato rispetto delle condizioni in base alle quali sono ammesse le sovvenzioni pubbliche al trasporto pubblico locale, tra le quali in primo luogo l’imposizione di obblighi di servizio pubblico ed il conseguente divieto di utilizzare risorse pubbliche destinate alla mobilità degli utenti ad altre finalità quali quella (come nella vicenda per cui è causa) del trasporto merci per conto terzi
  •   ordinanza n. 462 /2009 del 14 ottobre 2009: l’articolo 1 del decreto legge 3 agosto 2009, n. 103 (convertito poi nella legge n. 141 del 2009 ) che ha modificato i primi tre periodi dell’art. 17, comma 30 ter, del decreto legge n. 78 del 2009, nel prevedere che in caso di azione delle procure regionali per il risarcimento del danno all’immagine subito da un soggetto pubblico sia necessario, per lo meno per i reati  previsti e puniti dal capo I titolo II del libro secondo del codice penale, che sia intervenuta una sentenza irrevocabile di condanna, fa salvi, mediante il riferimento all’art. 7 della legge n. 97 del 2001 e, soprattutto, all’art. 129 disp. att. c.p.p. (ivi richiamata), anche tutti gli altri reati che abbiano cagionato un danno all’erario.
  • Ordinanza n. 425 dell’1 ottobre 2009:  1.Responsabilità contabile e amministrativa – azione di nullità contro gli atti istruttori della Procura regionale della Corte dei conti – emissione del provvedimento di archiviazione del fascicolo istruttorio – improcedibilità dell’azione di nullità - sussiste. 2. Responsabilità contabile e amministrativa – azione di nullità contro gli atti istruttori della Procura regionale della Corte dei conti – riapertura di fascicoli archiviati – necessità dell’esistenza di fatti nuovi – consentita – precedente dichiarazione di nullità – ininfluente ai fini della reiterazione dell’istruttoria
  •   Ordinanza n. 424 dell’1 ottobre 2009: 1. Responsabilità contabile e amministrativa – azione di nullità contro gli atti istruttori della Procura regionale della Corte dei conti – emissione del provvedimento di archiviazione del fascicolo istruttorio – improcedibilità dell’azione di nullità - sussiste. 2. Responsabilità contabile e amministrativa – azione di nullità contro gli atti istruttori della Procura regionale della Corte dei conti – esposto generico presentato da un’associazione sindacale – insufficiente per l’apertura di attività istruttorie della Procura della Corte dei conti – sufficiente per l’avvio dell’azione di controllo delle Sezioni regionali di controllo. 3. Responsabilità contabile e amministrativa - azione di nullità contro gli atti istruttori della Procura regionale della Corte dei conti – diritto al rimborso delle spese legali sostenute – esclusione – rimborso delle spese legali sostenute esclusivamente a fronte dell’emissione di atto di citazione in giudizio
  •   Ordinanza n.421/2009 del 29 settembre 2009: l’istanza di nullità degli atti istruttori e processuali, presentata ai sensi dell'art. 17, comma 30-ter del d.l. 1/7/2009, n. 78, conv. in legge 3/8/2009, n. 102 (e sm.i.), e relativa ad un giudizio di responsabilità amministrativa già definito, in primo grado, con una sentenza, non può essere rivolta al giudice che ha pronunciato la sentenza stessa e pertanto va dichiarata improcedibile.
  •   ordinanza n. 419 del 28 settembre 2009: 1. Per l’azione di nullità contro gli atti istruttori della Procura della Corte dei conti, introdotta dal legislatore con il decreto-legge 3 agosto 2009, n. 103, convertito con la legge 3 ottobre 2009, n. 141, essendo previsto che la nullità può essere fatta valere in qualsiasi momento, è chiaramente compresa anche l’ipotesi di sussistenza di un giudizio già instaurato e di un’udienza già fissata. La normativa introdotta in materia di nullità degli atti istruttori della Procura regionale della Corte dei conti ha natura rigorosamente processuale, ne consegue l’immediata entrata in vigore della normativa in questione e la sua applicabilità a tutti i procedimenti in corso alla data della sua entrata in vigore. Un esposto presentato da un’organizzazione sindacale, privo dei caratteri espressamente richiesti dalle norme per l’esercizio del potere istruttorio (specifica e concreta notizia di danno) non è sufficiente per l’avvio di un’istruttoria della Procura regionale della Corte dei conti cui è demandato di promuovere i giudizi responsabilità amministrativa, soltanto a fronte e nel presupposto di fattispecie concrete e specifiche di danno erariale.
  • Sentenza n. 872/09 dell'11 maggio 2009: In tema di giurisdizione della Corte dei conti sul danno all'immagine dello sport italiano in relazione alla vicenda giudiziario - sportiva "calciopoli" (link a www.corteconti.it)

  •  Sentenza n. 757/2009 del 4 maggio 2009 : In tema di responsabilità di titolare d'azienda per danno erariale derivante dal non corretto utilizzo di fondi comunitari
  •  
  •  
  • sentenza 26 settembre 2008 n° 1525: la formula assolutoria “perché il fatto non sussiste” non necessariamente deve essere rivelatrice dell’insussistenza del fatto materiale potendo, anche, implicare che – pur essendo incontestato il fatto fenomenico – manchi taluno degli elementi di cui giuridicamente si compone il fatto-reato (ad es. non corrispondenza tra la condotta e la norma incriminatrice), con la conseguenza che l'art. 652 c.p.p. non autorizza alcun automatismo tra formula assolutoria adottata dal giudice penale ed efficacia di giudicato extrapenale, la cui valutazione va condotta caso per caso
  • sentenza n. 789 del 12 maggio 2008: Lavori di ricostruzione della città di Ancona. Limiti dell’affidamento approvato ed esclusione di altri lavori svolti dall’impresa su richiesta del Comune di Ancona. Danno erariale derivante da esorbitanza dei prezzi dell’appalto dovuta ad erronea applicazione dei sovrapprezzi, all’introduzione di nuovi prezzi non approvati e all’applicazione di un erroneo coefficiente di aggiornamento prezzi. Ulteriore posta dannosa derivante da cospicue anticipazioni erogate non commisurate all’entità dei lavori svolti.
bullet  Ordinanza n. 242 del 5 maggio 2008: Giudizio di responsabilità - Istruttoria del PM - Istanza di istruzione preventiva ex art. 699 c.p.c. -Ammissibilità - Sequestro da parte del PM di documenti relativi alla corrispondenza epistolare con il legale difensore - Ordine di restituzione e declaratoria di inutilizzabilità
bullet  sentenza n. 694 del 15 aprile 2008: danno erariale al patrimonio delle ASL ROMA B e ROMA C derivante dalla fraudolenta manomissione del sistema informatico delle aziende che ha consentito ai vertici amministrativi, in collusione con personale di società privata gestore del software, di sottrarre ingenti somme con la fraudolenta compilazione di mandati di pagamento a fronte di forniture inesistenti o già pagate a società operanti nel settore sanitario.
bulletsent. n. 1560 del 29 ottobre 2007: va affermata la legittimazione del P.M. contabile ad agire in revocatoria davanti alla stessa autorità giurisdizionale presso la quale il medesimo è autorizzato a svolgere le sue funzioni e, conseguentemente, la giurisdizione della Corte dei conti a conoscere dell’azione revocatoria che, al pari del sequestro conservativo, costituisce controversia strumentale al giudizio di responsabilità amministrativa (massima a cura di www.rivistacorteconti.it ) link a www.corteconti.it 
bulletSentenza n. 3008/2005 del 30 dicembre 2005 : Responsabilità per mala gestio di società incaricata della gestione dei parcheggi a pagamento (link a www.corteconti.it ) Nota di Angelo Canale, magistrato della Corte dei conti: Parcheggi pubblici a pagamento : la sentenza 3008/2005 della Corte dei conti – Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio (link a www.diritto.it )

- sentenza del 3 maggio 2004, n. 1737/2004: 1. Responsabilità amministrativa – amministratori comunali – sindaco e membri della giunta – parere reso da funzionari dell’ente – mancato adeguamento canoni patrimonio immobiliare – responsabilità - sussiste. 2. Responsabilità amministrativa – Per mancato adeguamento dei canoni del patrimonio immobiliare – distorsione del mercato – sussiste – danno per mancato introito – Sussiste – Fattispecie

Sentenza del 28 aprile 2004, n. 1310: Sussiste responsabilità amministrativa dei responsabili di un ente di promozione sportiva per il pregiudizio finanziario relativo a una vicenda di cessione del credito, con conseguente, rilevante anticipazione di fondi da parte di una società finanziaria, in favore della predetta associazione, quando la motivazione della cessione medesima è fondata su documentazione falsa, redatta nell’ambito di attività illecita con cui erano state distolte somme dalla destinazione di promozione sportiva, cui erano, invece, preordinate.(COMMENTO DI MASSIMO PERIN)

- Sentenza n. 2076-2003 del 20 ottobre 2003: In tema di iniziative di comunicazione istituzionale di ente locale (lettera del Sindaco ai cittadini) (link a www.corteconti.it)

- sent. 22 gennaio 2003, n. 121: Responsabilità contabile e amministrativa – reati contro la p.a. – alterazione arbitraria degli elenchi degli stipendi – danno erariale – sussiste – responsabilità amministrativa – sussiste.

- sent. 2  gennaio 2003, n. 6:  Responsabilità contabile e amministrativa – truffa militare – indebiti rimborsi di missione – danno erariale – sussiste – responsabilità amministrativa – sussiste

- n.523/2001R del 4 gennaio 2001  e    4 gennaio 2001 n.21/2001R: : Responsabilità – Amministratori e dipendenti di ente – A.S.L. – Comitato di gestione – Pareri direttore amministrativo e sanitario - Illegittima unificazione in un’unica procedura concorsuale di diversi originari concorsi con riserva di posti - Colpa grave - Sussistenza -Fattispecie.   Responsabilità – Amministratore e dipendente di ente – U.S.L. – corresponsione emolumenti e compensi – atti illegittimi – sentenza annullamento giudice amministrativo - Danno - Sussistenza -Fattispecie.(massima e nota del Sostituto Procuratore Generale dott. Tammaro Maiello)

- n.348/2001/R del 22 gennaio 2001 : Responsabilità – Amministratore e dipendente di ente – Comune - Segretario comunale – Intempestiva vidimazione bollettari Tosap – Colpa grave- Mancata riscossione TOSAP – Danno - – Sussiste (massima e nota del Sostituto Procuratore Generale dott. Tammaro Maiello)

- n. 982/2001 del 26 febbraio 2001: Responsabilità contabile e amministrativa – prescrizione – atto di costituzione in mora – contenuto.

 

- n. 2273/2000 R del 19 giugno 2000: Responsabilità- Dolo-Violazione di obblighi di servizio-Violazione dei doveri di lealtà e fedeltà- Incendi dolosi di beni della Pubblica Amministrazione Responsabilità- Dolo-Violazione di obblighi di servizio-Violazione dei doveri di lealtà e fedeltà- Incendi dolosi di beni della Pubblica Amministrazione (massima e nota del Sostituto Procuratore Generale dott. Tammaro Maiello)

- n.1108/2000 del  19 luglio 2000 Competenza e giurisdizione - Corte dei conti – Pensioni ordinarie Dipendente delle Ferrovie dello Stato s.p.a. –Giurisdizione della Corte dei conti - Sussistenza.  Competenza e giurisdizione - Corte dei conti - Pensioni ordinarie - Dipendente delle Ferrovie dello Stato s.p.a. - Pendenza del rapporto di lavoro - Provvedimenti inerenti al trattamento pensionistico Giurisdizione della Corte dei Conti - Sussistenza. Competenza e giurisdizione - Corte dei conti - Pensioni ordinarie Dipendente delle Ferrovie dello Stato s.p.a. - Base Pensionabile – Benefici economici frazionati a personale già in quiescenza - Inapplicabilità (massima e nota del Sostituto Procuratore Generale dott. Tammaro Maiello)

 - n. 1753/2000 R del 2 ottobre 2000: Responsabilità- Amministrazione degli Affari Esteri – Cancelliere contabile – Appropriazione somme di danaro – Sussiste – Fattispecie .     Corte dei Conti – Giudizio di responsabilità – Cosa giudicata e rapporti con altri giudizi- Rapporti col giudizio penale – patteggiamento – effetti probatori – Limiti.      Responsabilità- Amministrazione degli Affari Esteri – Cancelliere contabile – Mancanza di personale – Condizioni di salute - Potere riduttivo (massima e nota del Sostituto Procuratore Generale dott. Tammaro Maiello)

- n.2454 del 13 dicembre 2000:   Responsabilità - Circolazione stradale - Addetti alla conduzione di autoveicoli -Adozione del dispositivo di allarme senza l'osservanza delle norme sulla circolazione e delle comuni norme di prudenza - Colpa grave Sussistenza -Fattispecie.     Responsabilità - Circolazione stradale - Addetti alla conduzione d autoveicoli in servizio di polizia e di soccorso - Facoltà di non osservare gli obblighi e i divieti indicati dalla segnalazione stradale e prescritti dalle norme di comportamento -Inosservanza delle comuni norme di prudenza, diligenza e perizia - Colpa grave -Sussistenza - Fattispecie.    Responsabilità - Circolazione stradale - Addetti alla conduzione d autoveicoli in servizio di polizia e di soccorso – Condizioni di stress – favorevoli precedenti di servizio – Potere riduttivo  (massima e nota del Sostituto Procuratore Generale dott. Tammaro Maiello)

- VAI ALL'ARCHIVIO