Sezione giurisdizionale Abruzzo

(Archivio)

 

 

  sentenza n. 530 del 30 maggio 2007 – Giudice unico Benvenuto: a seguito della norma di interpretazione autentica contenuta nel comma 774 dell’art 1 della legge n. 296 /2006 (legge finanziaria per il 2007), la disposizione di favore di cui all’art. 15, comma 5, della legge 23 dicembre 1994, n. 724, si applica esclusivamente ai trattamenti di reversibilitÓ non solo connessi a pensioni dirette liquidate fino al 31 dicembre 1994, ma che siano essi stessi liquidati entro la stessa data

sentenza n. 32 dell’11 gennaio 2007: 1. Giudizio di responsabilitÓ - responsabilitÓ contabile e amministrativa – finanziamenti pubblici – societÓ private destinatarie di contributi pubblici – partecipazione a programmi dell’amministrazione – giurisdizione della Corte dei conti - sussiste. 2. Giudizio di responsabilitÓ - responsabilitÓ contabile e amministrativa – acquisto di macchinari privi del requisito della novitÓ di fabbrica necessario per l’ammissione al pubblico finanziamento – acquisizione indebita di contributi pubblici – danno erariale – sussiste – responsabilitÓ della societÓ beneficiaria per la realizzazione di operazioni inesistenti – sussiste.

ordinanza n. 36 dell’1░ giugno 2006: solleva d’ufficio questione di legittimitÓ costituzionale dell’art. 93, comma 2, del T.U. approvato con Decreto legislativo 4 agosto 200 n. 267 – nella parte in cui limita il giudizio di conto alla gestione del Tesoriere  – e del successivo art. 226 - nella parte in cui prevede la trasmissione alla competente Sezione giurisdizionale della Corte dei conti, ai fini del giudizio, del solo conto della propria gestione di cassa - nonchÚ dell’art. 274 dello stesso decreto - nella parte in cui abroga l’art. 310, co.4, del Regio Decreto 3 marzo 1934, n. 383 (confermando implicitamente l’abrogazione dell’art.226 del R.D. n.297 del 1911 disposta con l’art. 64 , co.1, della legge n.142/1990) , che demandava al giudice contabile la pronuncia sul conto sia dell’Ente che del tesoriere, ed in particolare sul merito giuridico e contabile delle poste di bilancio - in relazione agli artt. 3, primo comma, 11, secondo comma, 103 secondo comma e 119 della Costituzione

  Ordinanza    n.14  pubblicata il 10 marzo 2006: che,  non ritenendo che sia possibile altra lettura dell’art. 99, secondo comma del d.P.R n. 1092 del 1973 diversa da quella per cui deve ritenersi tuttora  vigente nel nostro ordinamento il divieto di cumulo dell’indennitÓ integrativa speciale in caso di concorso di trattamenti pensionistici, rimette la questione al Giudice delle leggi per la non manifesta infondatezza della norma in parola, per contrasto con gli articoli 3 e 36 della Costituzione.

  sentenza n. 729 del 24 ottobre 2005 : Giudizio di conto e di responsabilitÓ - responsabilitÓ contabile e amministrativa –enti pubblici economici – giurisdizione contabile - sussiste – contributi consortili – natura di tributo obbligatorio – giurisdizione esclusiva della Corte dei conti – sussiste in materia di responsabilitÓ e rivalsa nei confronti degli agenti pubblici – autoliquidazione da parte di commissario consortile delle spese legali per un giudizio promosso a titolo personale nei confronti della Regione – responsabilitÓ a titolo di colpa grave – sussiste.

 

sentenza n. 631 del 25 agosto 2005: 1. Giudizio di conto e di responsabilitÓ - responsabilitÓ contabile e amministrativa – fondi comunitari attribuiti alla Regione per il conseguimento di finalitÓ pubbliche – partecipazione di soggetti privati – concorso con lo svolgimento della funzione pubblica - sussiste. 2. Partecipazione dei soggetti privati allo svolgimento della funzione pubblica – obbligo di osservare i criteri di leale collaborazione - sussiste. 3. Finanziamenti comunitari ottenuti per finalitÓ pubbliche e destinati in modo sproporzionato alla ristrutturazione di immobile privato anzichÚ a finalitÓ pubbliche – obbligo di restituzione da parte del privato beneficiario – sussiste – elemento psicologico – dolo civilistico.

- sentenza n. 472 del 23 maggio 2005: sussiste un evidente comportamento gravemente colpevole e superficiale del Sindaco e dei componenti la Giunta comunale, i quali a fronte sia di un verbale di illecito amministrativo elevato dai Carabinieri allo stesso Sindaco per la violazione delle norme per la tutela delle acque, sia della conseguente ordinanza ? ingiunzione emessa dalla Regione, deliberano di procedere al pagamento delle sanzioni con oneri a carico del bilancio comunale e non svolgono contestualmente l?azione di regresso nei confronti del responsabile della violazione.

- sentenza n. 56 del 13 gennaio 2005: sussiste la responsabilitÓ amministrativa di un dirigente comunale per avere rimborsato le spese legali sostenute dagli amministratori sottoposti a un procedimento penale che si era concluso con una sentenza penale di estinzione dei reati per intervenuta prescrizione, tenuto conto che non emergeva dalla sentenza il riconoscimento dell'assenza del dolo o della colpa grave nella vicenda.

 

- sentenza n. 503/04/EL del 23 giugno 2004: Giudizio di responsabilitÓ - responsabilitÓ contabile e amministrativa –responsabilitÓ amministrativa del giudice di pace - percezione di compensi all'atto del deposito delle minute e non della pubblicazione delle sentenze - artificiosa separazione di sentenze aventi contenuto sostanzialmente identico – responsabilitÓ amministrativa sussiste – colpa grave – sussiste – violazione dell’art. 97 della Costituzione – sussiste.

- sentenza n. 453/04/EL dell’11 giugno 2004: ╚ caratterizzato da colpa grave il comportamento dei membri di una commissione giudicatrice, i quali hanno fissato i criteri di aggiudicazione solo dopo avere aperto le buste contenenti le offerte presentate dalle imprese partecipanti, esponendo cosý l’amministrazione al pregiudizio conseguente sia alle spese legali della causa promossa dalla ditta ricorrente, sia agli oneri finanziari resisi necessari per la ripetizione della gara.

- ordinanza n. 56/2004 del 28 giugno 2004: solleva d’ufficio la questione di legittimitÓ costituzionale dell'art. 5, comma 1 della Legge n. 19/1994, nel testo sostituito dall’art.1 del d.l. 23 ottobre 1996, n.543, convertito in legge 20 dicem-bre 1996, n. 639, per contrasto con gli artt.3 e 24, secondo comma e 111, secondo comma, della Costituzione nella parte in cui non prevede l'obbligo di comunicazione all'interessato, motivazione e deposito in giudizio del provvedimento di archiviazione

 Sent. del 18 maggio 2004 n. 429: sussiste la responsabilitÓ amministrativa del Presidente e del Direttore dell’Ente Autonomo del Parco nazionale d’Abruzzo per aver condotto il medesimo ente pubblico a porsi innanzi al contraente privato (istituto di credito convenzionato per il servizio di cassa o di tesoreria) in una posizione di particolare debolezza che ha reso estremamente difficile qualsiasi ipotesi di negoziazione dei tassi d’interesse sulle anticipazioni di cassa

sent. n. 1 del 7 gennaio 2004: 1. Il Parco nazionale d’Abruzzo Ŕ Ente pubblico non economico e opera per la cura di interessi generali di protezione del territorio, della flora e della fauna (art. 1, comma 1, della legge 6 dicembre 1991, n. 394) e, di conseguenza, deve essere affermata sia la giurisdizione della Corte dei conti, sia la possibilitÓ di sindacare le scelte amministrative, entro i limiti di ragionevolezza e di congruitÓ 2. La giurisdizione amministrativo-contabile e quella civile sono reciprocamente indipendenti, anche quando investono un medesimo fatto materiale, dal momento che l'interferenza pu˛ avvenire tra i giudizi, non fra le giurisdizioni, con la conseguenza che la pendenza di giudizio civile non preclude l'azione della Procura regionale. 3. Costituisce comportamento connotato da colpa grave la scelta operata dal direttore dell’Ente parco nazionale d’Abruzzo per la locazione eccessivamente onerosa di un intero immobile  di dimensioni tali da configurare, di fatto, una vera e propria sede operativa e non di mera rappresentanza

- sentsent. n. 735/03 del 18 dicembre 2003: in ipotesi di fondi a destinazione vincolata, il privato fruitore o destinatario del contributo diviene il terminale di una attivitÓ di gestione di fondi pubblici, e come tale si configura, sia pure occasionalmente, quale soggetto agente nell’interesse della Pubblica Amministrazione e, qualora incida negativamente  sul modo d’essere del programma imposto dalla Pubblica Amministrazione - alla cui realizzazione egli Ŕ chiamato a partecipare con l’atto di concessione del contributo -  e  detta  incidenza sia tale da poter determinare uno sviamento dalle finalitÓ perseguite, egli realizza  un danno per l’ente pubblico,  di cui deve rispondere dinanzi alla Corte dei conti (fattispecie in tema di contributo a ditta individuale per il miglioramento della produzione tipografica di una pubblicazione editoriale)

– Sentenza n. 197 dell’11 aprile 2003: 1. Giudizio di responsabilitÓ amministrativa – percezione di compensi da parte di soggetti privi dei prescritti titoli di studio – danno erariale – sussiste – percezione di compensi da parte della p.a. in forza di atti illeciti – esclusione della buona fede – tutela del rapporto lavorativo costituito illecitamente con la p.a. – non consentita. 2. Prestazione di attivitÓ lavorative in assenza dei prescritti titoli di studio – vantaggio per l’ente pubblico – esclusione. 3. Condotte illecite mosse da intento doloso per conseguire compensi professionali in assenza dei prescritti titoli di studio – danno all’immagine – sussiste.

-  Sentenza n. 32/03 del 28.01.2003: Giudizio di responsabilitÓ amministrativa – intervento ad adiuvandum – consentito senza introduzione di domande nuove o ampliative del thema decidendum – indebite erogazioni di prestazioni assicurative – danno erariale – sussiste – impiegato INPS – condotte operative mosse da intento doloso per conseguire tornaconto personale – responsabilitÓ – sussiste – danno all’immagine – sussiste.

- sent. n. 162/2002 del 3.4.2002: giudizio di responsabilitÓ amministrativa – attivitÓ di consulenze esterne all’amministrazione – danno erariale – sussiste - vertici dell’amministrazione – colpa grave – sussiste – segretario comunale – responsabilitÓ – non sussiste in presenza di una posizione meramente consultiva.

- sent. 3 aprile 2002 n. 163/2002: Giudizio di responsabilitÓ amministrativa - reato contro la p.a. - peculato - sospensione del processo in attesa esito definitivo procedimento penale - non obbligatoria - danno erariale - sussiste - responsabilitÓ - impiegato addetto al servizio cassa ufficio del registro - agente contabile - direttore dell'ufficio - omissione vigilanza - colpa grave - non sussiste - in presenza di personale inadeguato e di reiterate richieste non accolte dall'amministrazione di personale qualificato.

- sentenza n. 862/2001 del 11.10.2001: Giudizio di responsabilitÓ amministrativa – prescrizione – effetti interruttivi della costituzione di p.a. - sentenza penale di patteggiamento – valore nel processo contabile – sovraestimazione dei prezzi per reati contro l’amministrazione – ricaduta dei costi sull’amministrazione - responsabilitÓ patrimoniale per danno all’immagine pubblica –- ripristino dell’immagine pubblica.

- sentenza n. 640/01 dell’11 luglio 2001: Giudizio pensionistico – pensione di reversibilitÓ – titolaritÓ dell’assegno divorzile –condizione necessaria per ottenere al pensione di reversibilitÓ – riconoscimento della titolaritÓ dell’assegno divorzile – giurisdizione ordinaria.

- sentenza Parziale- Ordinanza n. 128/2001 del 4 luglio 2001: Giudizio di conto e di responsabilitÓ amministrativa- condizioni ammissibilitÓ intervento adesivo dipendente amministrazione danneggiata - danno erariale c.d. permanente - prescrizione - decorrenza dall'effettiva erogazione trattamento economico - chiamata in giudizio iussu iudicis - utile per garantire il diritto di difesa e l'integritÓ del contraddittorio.

 

ARCHIVIO

 

- N. 1048/99R DEL 18 OTTOBRE 1999 (con nota di Massimo Perin): ResponsabilitÓ contabile e amministrativa – agente contabile addetto alla gestione materiale dei diritti e delle tasse aeroportuali – comportamento doloso nell’attivitÓ di riscossione – sufficienza responsabilitÓ acclarata innanzi al giudice penale per fini di condanna – direttore di aeroporto qualificato agente principale della riscossione diritti e tasse aeroportuali – colpa grave per assenza di vigilanza sul dipendente addetto all’attivitÓ di riscossione – responsabilitÓ amministrativa sussidiaria dei concorrenti che abbiano agito senza dolo nella realizzazione del danno pubblico.

- N. 1112/99/EL DEL 8 NOVEMBRE 1999: Giudizio di responsabilitÓ - responsabilitÓ contabile e amministrativa - responsabilitÓ patrimoniale per danno indiretto - decorrenza della prescrizione dalla data di effettiva erogazione di somme di denaro da parte dell'Ente pubblico - procedimento espropriativo - risarcimento del danno per intervenuta appropriazione acquisitiva - colpa grave del sindaco e del segretario comunale per omessa vigilanza e comportamento noncurante dell'interesse pubblico - addebito di una parte del danno erariale.

- N. 1119/EL DEL 18 NOVEMBRE 1999: Giudizio di responsabilitÓ e di conto - azione di responsabilitÓ contabile e amministrativa - danno erariale indiretto - decorrenza della prescrizione dalla data di effettiva erogazione di somme di denaro da parte dell'Ente pubblico - procedimento di espropriazione per p.u. - risarcimento del danno per intervenuta accessione invertita - colpa grave del sindaco per omessa vigilanza e contestuale comportamento incurante dell'interesse pubblico - addebito di una sola parte del danno erariale.

- N. 1122/EL DEL 29 NOVEMBRE 1999: Giudizio di responsabilitÓ e di conto - azione di responsabilitÓ contabile e amministrativa – amministratori enti locali – assunzione a carico del bilancio dell’ente locale delle spese legali relative a procedimenti penali a carico di dipendenti pubblici - danno erariale per indebita corresponsione di rimborso spese legali – colpa grave amministratori – non sussiste in presenza dell’avvio della procedura di recupero di somme indebitamente erogate e di una normativa di difficile interpretazione.

- N. 12 DEL 12 GENNAIO 2000: Materia Pensionistica – Personale della Pubblica Istruzione - riliquidazione indennitÓ di buonuscita – giurisdizione del giudice amministrativo - soccombenza alle spese legali per pretese infondate e temerarie.

- n. 80/Aggio DEL 5 FEBBRAIO 2000 : Giudizio esattoriale a istanza di parte – presupposti - concessionari servizio riscossioni – riscossione imposte dirette – aggio esattoriale – compensi all’esattore.

- n. 251/2000 del 10 marzo 2000 n. 251/2000 del 10 marzo 2000: ResponsabilitÓ contabile e amministrativa – gestione materiale di valori dell’amministrazione – comportamento doloso dell’agente contabile e depositario di beni e valori della p.a. – confessione e ammissione di responsabilitÓ innanzi alla polizia giudiziaria e al P.M. penale – danni patrimoniali derivanti dalla mancata restituzione dei valori dell’amministrazione – nesso causale per l’omessa riconsegna dell’agente contabile dei beni e dei valori affidati - profili di responsabilitÓ amministrativa per spregio dei doveri incombenti dell’agente contabile.

- Ordinanza n. 123/2000 del 14.7.2000: Giudizio di responsabilitÓ e di conto - azione cautelare – ricorso per sequestro conservativo – sentenza penale di patteggiamento – principio del giusto processo – violazione della regolare formazione del contraddittorio nel processo cautelare contabile – eccezione di costituzionalitÓ – manifesta infondatezza.

- sentenza parziale/ordinanza - 6.9.2000 n. 161: Giudizio di responsabilitÓ e di conto - responsabile servizio tributi comunale - danno erariale per omesso versamento imposte di spettanza ente pubblico - attivitÓ dolosa per appropriazione somme di pertinenza ente locale - decorrenza della prescrizione dalla data di effettiva scoperta dell'attivitÓ dolosa - eredi del contabile autore degli ammanchi - responsabilitÓ amministrativa e contabile - differenze - soggetti tenuti alla resa del conto - eredi agente contabile.

-sent.  29.11.2000 n. 1114/2000: Giudizio di responsabilitÓ - responsabilitÓ contabile e amministrativa - responsabilitÓ patrimoniale per danno causato all’Ente Poste Italiane – osservanza delle regole del giusto processo - uso del potere sindacatorio del giudice – litisconsorzio necessario - prescrizione - accettazione in pagamento senza alcun controllo di assegni rubati - addebito di una parte del danno erariale.

- sent. n. 1107/2000 del 24.11.2000:  Giudizio di responsabilitÓ - responsabilitÓ contabile e amministrativa - provveditore economo – contabile di diritto –illecito contabile - responsabilitÓ contabile per danno causato a seguito di ammanco di valori consegnati con obbligo di custodia – profili di colpa grave – esclusione – sufficienza ai fini della condanna della sola colpa c.d. normale.

n. 38/2001 dell’11 gennaio 2001: Giudizio di conto e di responsabilitÓ amministrativa – termine di decorrenza della prescrizione - costituzione di parte civile nel processo penale dell’amministrazione pubblica.

- Giudice Unico, n. 170/2001/M del 21 febbraio 2001: Giudizio pensionistico - questioni medico legali - pareri del collegio medico legale –conformitÓ al giusto processo – questione di costituzionalitÓ – manifesta infondatezza.

- n. 332/2001/R del 9.4.2001: Giudizio di responsabilitÓ - responsabilitÓ contabile e amministrativa - responsabilitÓ patrimoniale componenti comitato di gestione U.S.L. – giurisdizione - progetti informatici - danno conseguente a spese prive di utilitÓ

- Sentenza Ordinanza n. 98/20001 - 18.05.2001: Giudizio contabile – obbligo presentazione del conto giudiziale – ricorso alle nuove tecnologie informatiche - obblighi e responsabilitÓ dei revisori dei conti

- sentenza n. 569/01 del 19 giugno 2001: Giudizio pensionistico – pensioni indirette di guerra - inabilitÓ a proficuo lavoro di congiunti di militari o civili deceduti per causa di guerra – tempestivitÓ dell’istanza di pensione di guerra – termine quinquennale – dalla data di decorrenza dell’inabilitÓ accertata dalla competente commissione medica legale